Sei in cerca di idee su cosa fare e cosa vedere a Ischia? Se avrai a disposizione un giorno, un week-end o una settimana, ci sono tantissime cose da fare a Ischia durante il tuo viaggio. Potrai spaziare dal relax delle terme, a tuffi nel mare cristallino dell’isola d’Ischia, passando per i luoghi culturali caratteristici da visitare, oppure dove potersi fermare per una pausa all’insegna dei sapori dell’isola! Ecco un elenco delle principali attrazioni dell’isola d’Ischia.

Castello Aragonese

Il Castello Aragonese è il monumento principale di tutta l’isola di Ischia, di cui è uno dei simboli. Non si può andare ad Ischia e perdersi lo spettacolo di questo castello sul mare, su un isolotto di roccia vulcanica, collegato al borgo di Ischia Ponte da un ponte in muratura lungo 220 metri. In uno scenario incantato e ricco di storia, il castello è un insieme di ricchezze artistiche e paesaggistiche. Sono sicuramente da visitare le chiese, tra cui quella dell’Immacolata e la Cattedrale dell’Assunta, i sentieri ricchi di macchia mediterranea, e le terrazze dai panorami mozzafiato: dal Terrazzo dell’Immacolata,  si può ammirare il Borgo di Ischia Ponte, la Spiaggia dei Pescatori, con il monte Epomeo sullo sfondo; dal Terrazzo degli Ulivi, invece, si potrà godere dell’ampia vista cha va dai Monti Lattari al Golfo di Gaeta. Il castello è aperto tutti i giorni, con ingresso a pagamento.

Castello Aragonese, Ischia

Borgo Sant’Angelo

Altra tappa fondamentale del vostro viaggio ad Ischia, è la visita al borgo Sant’Angelo, nel comune di Serrara Fontana. Antico borgo di pescatori, con le caratteristiche casette colorate addossate le une alle altre, tipiche dei borghi mediterranei, Sant’Angelo si trova di fronte all’isolotto caratteristico di Ischia, dove sulla parte superiore sorgeva anticamente la chiesetta dedicata a San Michele Arcangelo, da cui prende il nome il borgo. La sua tipica Piazzetta, isola pedonale, è l’anima pulsante di Sant’Angelo, con i suoi negozi e i numerosi locali che permettono di sedersi a godere della tranquillità del luogo. Inoltre, proprio a Sant’Angelo troviamo Cava Grado, una delle spiagge più caratteristiche dell’isola  d’Ischia.

Borgo Sant’Angelo, Ischia

Forio d’Ischia

Se siete in viaggio ad Ischia, impossibile saltare la visita a Forio, che offre sul suo territorio spiagge per tuffi nel mare cristallino, stabilimenti termali per il relax e tanti punti di interesse artistico/culturale. Simboli del comune sono la Chiesa del Soccorso, con la sua costruzione bianca su un promontorio circondato dal mare su tre lati, che raccoglie numerosi ex-voto dei marinai, ed il Torrione, la torre più alta del comune, a dominare sull’intero centro di Forio. Centro artistico di alto livello, oggi Forio ospita manifestazioni ed eventi durante tutto l’anno. Una nota a parte meritano i Giardini di Poseidon, parco termale più grande dell’isola, e la Baia di Sorgeto, un vero e proprio parco termale a cielo aperto, oltre che paradiso dello snorkeling.

Forio d’Ischia

Le spiagge di Ischia

Senza dubbio, Ischia è anche mare e tintarella! Il lungo perimetro dell’isola offre chilometri di costa che nascondono spiagge adatte a tutte le esigenze, ognuna con la sua caratteristica e particolarità! Ci sarà solo l’imbarazzo della scelta: sull’isola di Ischia potrai trovare, infatti, spiagge di sabbia, ideali per le famiglie, come la Baia di San Montano a Lacco Ameno, ma anche calette più rocciose e nascoste come la Spiaggia degli Inglesi. Ed ancora, spiagge solitamente frequentate da un pubblico giovane, come Cava d’Ischia, senza dimenticare quelle in cui si manifesta l’anima termale di Ischia, come la Baia di Sorgeto. Insomma, qualsiasi cosa tu stia cercando, troverai sicuramente quello che fa per te tra le spiagge dell’isola di Ischia!

Spiagge di Ischia
Baia di San Montano a Lacco Ameno

I Giardini La Mortella

Un’altra visita fondamentale durante un viaggio ad Ischia saranno i Giardini della Mortella, a Forio, uno dei più bei giardini privati in Europa. Creati a partire dal 1956 dalla moglie del compositore e direttore d’orchestra William Walton, con lo scopo di raccogliere le specie vegetali più originali del mondo, oggi i Giardini la Mortella sono spesso sede di concerti e eventi artistici, ed ospitano un museo con i manoscritti di Walton ed il teatrino delle marionette. Offrono durante tutto l’anno lo spettacolo incredibile di specie di piante e fiori talvolta ancora sconosciuti (in inverno aperto solo su appuntamento), con i giardini collegati tra loro da sentieri, rampe e scalette, e tre serre tropicali.

Giardini La Mortella, Ischia

Le terme

Ischia è certamente sinonimo di terme! Grazie alla sua natura vulcanica, l’isola è ricca di acque termali, che hanno dato vita ad oltre 300 stabilimenti termali, tra i quali potrete scegliere quello che più corrisponde alla vostra idea di relax e cura di sé. Nell’ampio ventaglio di scelta che offre Ischia, possiamo citare il parco termale più grande dell’isola, i Giardini di Poseidon, nella suggestiva Baia di Citara a Forio, con le sue 22 piscine termali. Da notare anche il Parco del Negombo, con il suo percorso “kneipp”.  Infine, un’esperienza unica la vivrete alla Baia di Sorgeto, che può essere definita come delle “terme a mare aperto”, per la presenza direttamente in acqua di vasche d’acqua naturalmente calda, fredda, dolce e salata.

La cucina

Tra le tante attrattive di Ischia, va sottolineata la cucina tipica dell’isola. Tra una visita e l’altra, perché non rilassarsi in uno dei tanti locali di Ischia per assaggiare i piatti della tradizione? Non perdete l’occasione di gustare il piatto simbolo dell’isola: il “coniglio all’ischitana”, con conigli allevati nelle fosse.  Per chi preferisce il pesce, ci sarà solo l’imbarazzo della scelta, tra spaghetti alle vongole e fritture di paranza. Per chi invece punta alla semplicità, sarà d’obbligo assaggiare la “Zingara”, fatta con pane, prosciutto e formaggio, diventato comunque un’icona della cucina ischitana. Non potrà mancare, infine, l’assaggio dei vini isolani, ottenuti dalle vigne coltivate sui versanti tufacei dell’isola, con diverse etichette DOC autoctone, tra cui il Biancolella d’Ischia ed il Piedirosso.